Curiosità

bevanda.it



Nettare degli Dei

La bevanda più antica e famosa al mondo si dice essere Idromele, conosciuta come il nettare degli dei. Era una bevanda concepita dei Celti, di cui ne avevano associato concetti di fertilità, magia e preveggenza. Nella loro tradizione dopo il matrimonio dovevano bere questa bevanda per un intero mese lunare. L'idromele avrebbe dato loro le energie, l'ebbrezza e la saggezza necessarie per iniziare nel migliore dei modi la loro vita insieme.

Anche gli antichi Egizi apprezzavano l'idromele, infatti la spiegazione dei procedimento riguardanti la sua preparazione si legge nel dodicesimo libro di Cocumella, che lui chiamava "divina pozione""luna di miele".
E' relativamente semplice preparare questa bevanda, dato che è costituita da una piccola miscela di miele in una quantità più grande d'acqua. Mentre quello alcolico, è costituito dalla fermentazione di una miscela di miele tre parti d'acqua e di alcune sostanze aromatiche.
In Italia questa bevanda non è molto conosciuta, anche se ha avuto molteplici nomi fra cui ha avuto molteplici nomi, Chouchen, Melikaton, Aqua Musla.
La sua diffusione è avvenuta nelle zone settentrionali dell' Europa.



Alcune ricette per la preparazione dell'idromele

1. Ricetta
Ingredienti per cinque litri di idromele: 1 kg di miele, 4 litri d'acqua di fonte o d'acqua minerale naturale, 3 grammi di lievito per dolci o per vino, 1 foglia di noce o qualche foglia di salvia

Diluite il miele nell'acqua e fate cuocere per un paio d'ore il composto insieme alla foglia di noce. (si può aggiungere, in alcuni casi, anche del succo di mela). Dopo aver lasciato raffreddare il composto, filtrate con un panno e travasate il tutto in una damigiana o in un bottiglione. Preoccupatevi di lasciare spazio a sufficienza per la fermentazione, non riempiendo del tutto la damigiana. Stemperate in un po' d'acqua il lievito e aggiungetelo alla soluzione. Agitate e mescolate il tutto. Sistemate un tappo da fermentazione o una garza legata con un elastico. Durante la prima settimana agitate 3-4 volte al giorno. Assicuratevi di conservare la damigiana in un luogo fresco e asciutto, possibilmente ad una temperatura non superiore ai 20 gradi.
Dopo tre mesi, travasate il composto in un secchio pulito e lavate accuratamente la damigiana. Travasate poi tutto al suo interno. Se il colore dovesse essere troppo torbido, filtrate il composto con un panno. Se invece dovesse avere fermentato troppo poco, aggiungete altro lievito.


2. Ricetta
Ingredienti: 350 g di alcol a 90 gradi, 2 g di cannella in canna, 1/2 g di chiodo di garofano, 400 g di miele, 1 litro d'acqua di fonte o minerale naturale, 1 scorza di limone.

Lasciate macerare in una vaso chiuso la cannella, il chiodo di garofano e la scorza di limone nell'alcol per circa 10 giorni. Filtrate il composto. Mischiate il miele con l'acqua e fate bollire il tutto fino a che il volume della soluzione si sarà ridotto di circa la metà. Lasciate raffreddare il composto e versatelo nell'alcol. Quando si sarà intiepidito, imbottigliate il tutto chiudendo il contenitore con la ceralacca o con il sughero. Lasciate riposare per almeno sei settimane, ancora meglio per un anno.



Utilizzo

L'idromele è indicato come bevanda da dessert. Si accompagna molto volentiri con la cioccolata sia a latte che fondente.
La temperatura per la sua degustazione varia dai 15/18 gradi, e solo in alcuni casi può essere servito fresco alla temperatura di 7/10 gradi.